Pannelli solari per camper: come sceglierli e quali sono i migliori

I camper sono delle vere e proprie case su ruote: vi sembra possibile che, in quanto tali, facciano a meno dell’elettricità? Ovviamente no: strumentazione di bordo ed elettrodomestici infatti per funzionare necessitano di energia elettrica o, in alternativa, di pannelli solari fotovoltaici.

Volete mettere la bellezza di girovagare liberi per il mondo senza dover di continuo cercare delle stazioni per ricaricare le batterie? E della soddisfazione di dedicare più tempo a campeggiare, rincorrervi tra i prati, concedervi bagni al lago e quant’altro e, per giunta, non inquinare vogliamo parlarne?

I pannelli solari per camper: vantaggi

La prima cosa che, a scanso di ogni possibile equivoco, è necessario specificare è che installando dei pannelli solari sul vostro caro vecchio camper non avrete scocciature di sorta: il vostro viaggio procederà tranquillamente e, chi non è impegnato alla guida, potrà senza problemi usufruire di TV, radio, frigorifero, computer e quant’altro.

La vostra tabella di marcia sicuramente migliorerà in positivo: non dover star fermi per ricaricare le batterie vi permetterà di macinare chilometri e di giungere prima a destinazione (o magari di spingervi anche più lontano del previsto o di compiere piccole e piacevoli deviazioni fuori programma).

E che dire del risparmio economico ed energetico? Questi dispositivi consentono di avere puntualmente a che fare con energia pulita, esente da qualsiasi tassazione e disponibile a qualsiasi latitudine del globo. Insomma: scegliere di installare sul camper dei pannelli solari, credetemi, è davvero una buona idea!

Impianti fotovoltaici per camper: cosa c’è da sapere?

Innanzitutto bisogna sapere che essi vengono comunemente indicati anche con il nome di impianti fotovoltaici OFF Grid e che se quindi doveste chiedere al rivenditore dei pannelli solari per camper e lui vi parlasse dei suddetti, avrebbe perfettamente compreso la vostra richiesta.

Questa tipologia di impianto è molto diffusa, più di quanto crediate, e viene in genere impiegata senza alcun problema non soltanto sui camper ma anche sulle barche di un certo tipo e persino in quei romantici chalet disseminati per le montagne.

I kit pensati per i camper sono stati studiati per consentire all’utente di installarli sul tetto della vettura e persino per orientarli in maniera tale da ottimizzare le risorse. Nel package poi sono in genere compresi non soltanto i cavi di collegamento ed alimentazione, ma anche tutti gli attrezzi utili per installare autonomamente i propri pannelli solari. Non preoccupatevi: si tratta di un’operazione talmente semplice da essere ritenuta comunemente alla portata di chiunque, compresi gli utenti che poco o niente vorrebbero avere a che fare con la tecnologia.

Kit di pannelli solari: come funzionano?

Un pannello solare da camper funziona esattamente come un comune pannello solare installato sui tetti delle case, sulla sommità dei lampioni e quant’altro (anche se, è forse superfluo specificarlo, le dimensioni di questi oggetti variano in rapporto alla destinazione d’uso). Il dispositivo infatti consente di usufruire di un buon quantitativo di corrente semplicemente immagazzinando l’energia proveniente dai raggi del sole.

A seconda delle necessità poi quest’ultima verrà smistata sui dispositivi presenti a bordo o convogliata in un’apposita batteria. La corrente continua così ottenuta verrà quindi, ovviamente sfruttando l’azione di un inverter, trasformata in corrente alternata, quella che per intendersi alimenta normalmente elettrodomestici, oggetti elettronici in genere e piccole strumentazioni di bordo. Più chiaro di così!

Tipologie

Prima di acquistare i pannelli solari per il proprio camper è necessario operare a monte una piccola scelta: ci si orienterà sul silicio mono/policristallino o sul silicio amorfo/flessibile? Ecco; posta così questa domanda potrebbe un po’ spiazzare chi legge e, per questo motivo, credo che sia necessario approfondire un po’ l’argomento.

La distinzione tra l’una e l’altra variante consiste nella capacità di erogare diversi quantitativi di energia elettrica al camper in questione. Insomma, prima di operare una scelta, dovreste in qualche modo valutare il vostro fabbisogno energetico nel momento in cui salite a bordo del veicolo.

Fate ciò partendo da un rapido controllo del wattaggio dei diversi elettrodomestici qui presenti (se incautamente avete perso i fogli di istruzioni, sul retro dei prodotti sono riportate queste informazioni).

Considerate poi per ciascuno di essi l’uso che ne farete ed aggiungendo nel computo le immancabili varie ed eventuali, vi troverete davanti ad una stima tutto sommato affidabile del vostro fabbisogno energetico durante una normale vacanza in camper.

Tutti i dispositivi presenti a bordo per funzionare richiedono soltanto 12V quindi possono essere azionati direttamente dal pannello solare senza passare per l’inverter, quelli che invece necessitano dei loro buoni 220V devono per forza di cose superare anche quest’ultimo step.

Il silicio mono/policristallino

I pannelli in silicio monocristallino o policristallino sono in genere consigliati a chi necessita di ottenere alti rendimenti pur sfruttando piccole superfici. Questi pannelli hanno una resa particolarmente elevata ma devono costantemente essere orientati in direzione del sole per poter produrre il massimo dell’energia possibile.

In genere i monocristallini hanno una lavorazione più complessa e, per questo motivo, sono più costosi dei policristallini.

Il silicio amorfo o flessibile

I pannelli realizzati in silicio amorfo e/o flessibile sfruttano una minore quantità di questo materiale ed hanno struttura disomogenea. Ciò significa che, pur avendo pari dimensioni rispetto ad altre tipologie di pannelli solari, hanno sempre una resa inferiore, resa che comunque resta costante ed interessante anche quando gli oggetti in questione non sono bene orientati in direzione del sole.

Questo tipo di pannello quindi, in virtù della suddetta caratteristica, è forse quello più consigliato ai fortunati possessori di un camper.

169,77€
disponibile
1 nuovo da 169,77€
1 usato da 134,22€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 9 Dicembre 2019 22:36

Scegliere i pannelli solari per il camper

Adesso che avete imparato qualche nuova nozione sui pannelli solari, possiamo iniziare la ricerca di quelli più adatti alle vostre esigenze.

A prescindere dalla tipologia che sceglierete di acquistare (che nella maggior parte dei casi sarà il silicio amorfo e/o flessibile), questi oggetti devono infatti possedere specifiche caratteristiche per poter essere ritenuti dei prodotti degni di nota.

Inverter

Degli inverter ho già parlato, sebbene per sommi capi, qualche riga più in là. Questi apparecchi vi consentono di trasformare la corrente continua in alternata adatta ad alimentare tutti i dispositivi elettronici da 220V e dintorni. Relativamente all’argomento trattato in questa guida, non vi serve sapere altro che riguardi tali dispositivi.

Un buon kit contiene anche uno o più inverter, ma spetta all’utente verificare la necessità di installarli ed in quali quantità.

Potenza

E’ abbastanza ovvio che quando si parla di pannelli solari si presti particolare attenzione anche alla potenza che essi sono in grado di sviluppare. Essa, chiaramente indicata in Watt, permette di valutare l’adeguatezza del dispositivo al camper o ad altri sistemi e dà modo all’utente di comprendere quanti pannelli sarà necessario installare per ottenere la giusta erogazione di energia.

Mediamente un solo pannello per camper ha potenza minima pari a circa 50W, potenza che garantisce al massimo la possibilità di usufruire di tutte le luci del veicolo.

Basta un pannello da 100W per poter avere accesso anche alla TV e a vari dispositivi elettronici a bordo del camper ma, sia ben chiaro, l’autonomia in questo caso non supererà le 48 ore.

84,90€
disponibile
5 nuovo da 84,90€
1 usato da 76,19€
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 9 Dicembre 2019 22:36

Se si decide di effettuare lunghe percorrenze e di mettere quindi in funzione frigorifero e lavatrice è meglio passare ad un kit capace di garantire all’utente intorno ai 150W di produzione energetica.

245,00
non disponibile
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 9 Dicembre 2019 22:36

Piccola chicca: quando si acquista un pannello solare il wattaggio indicato sulla confezione è in realtà un parametro abbastanza approssimativo. Il valore nominale infatti può, per svariate ragioni, raddoppiarsi in inverno (un pannello da 100W quindi alla fin fine produrrà 200W al giorno di media) e addirittura quadruplicarsi in estate (il solito pannello da 100W quindi, esposto magari al torrido sole d’estate in uno sperduto paesino siciliano potrebbe produrre persino 400W effettivi di energia).

Batterie

Normalmente i kit solari reperibili in commercio non sono dotati di batteria; essa va quindi acquistata in separata sede.

Perché si dovrebbe comprarne una (o magari anche più di una)? Beh, semplicemente perché questa consente di accumulare l’energia solare in eccesso dando modo all’utente di contare su un’utilissima riserva. Solitamente le batterie in questione hanno una potenza pari a 12V e capacità oscillante dai 18Ah ai 300Ah.

Quali batterie scegliere? Il mercato presenta un ampio assortimento, ma il consiglio è di orientarsi sulle batterie al piombo AGM, perfette per garantirsi una lunga durata e una sostanziale astensione da noie di ogni ordine e grado.

34,90€
disponibile
2 nuovo da 34,90€
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 9 Dicembre 2019 22:36

Regolatori di carica

In genere i regolatori di carica sono venduti insieme al kit di pannelli solari e consente all’utente di poter disciplinare autonomamente il flusso di corrente diretto alla batteria o uscente dalla stessa.

Questo piccolo accorgimento serve a non danneggiare le apparecchiature elettroniche che, come del resto è noto a tutti, possono smettere di funzionare a seguito di bruschi e ripetuti sbalzi di corrente. Tra l’altro un regolatore ha anche la funzione di evitare che la batteria, carica ormai al 100%, continui ad assorbire l’energia prodotta dai pannelli solari. Ecco perché il dispositivo in questione permette al proprietario del camper persino di verificare lo stato di carica della suddetta batteria.

Ultimo aggiornamento il 9 Dicembre 2019 22:36

Pannelli solari da camper: è una spesa abbordabile?

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, dotare il proprio camper di un bel kit di pannelli solari non soltanto consente, magari alla lunga ma sempre meglio di niente, di risparmiare qualcosa sulla gestione del veicolo, ma non è nemmeno una spesa tanto esosa. Non è un caso infatti che i kit di pannelli solari per camper stiano neanche troppo lentamente prendendo piede e diffondendosi in maniera sempre più significativa tra i possessori di roulotte et similia.

Ad incidere positivamente su questo successo c’è poi un piccolo particolare: come accennato in precedenza, per installare questi dispositivi non è necessario il supporto di un tecnico.

Ultimo aggiornamento il 9 Dicembre 2019 22:36

Tra l’altro, se proprio si è intenzionati a risparmiare il più possibile, il suggerimento è quello di dare un’occhiata online: parecchi siti di e-commerce infatti consentono all’utente (informatosi preventivamente e con mezzi propri circa l’opportunità di scegliere un prodotto piuttosto che un altro) di risparmiare davvero parecchio sull’acquisto di un kit di pannelli solari per camper.

In questo caso però è bene sempre rivolgere delle domande di conferma al venditore online e leggere con attenzione almeno una buona parte delle recensioni rilasciate dagli utenti a proposito dei prodotti opzionati. Ed ecco i 3 pannelli solari per camper che hanno ottenuto le migliori recensioni su Amazon: