Torcia LED: scopri perché acquistarla e quali sono le migliori

Le vecchie torce, quelle che necessitavano di un gran numero di batterie dalle dimensioni notevoli per poi emanare un flebile raggio di luce che bastava a stento per non sbattere sui muri, sono definitivamente andate in pensione (e menomale!) lasciando spazio al nuovo che avanza.

Il nuovo che avanza in questo caso si chiama torcia led (per gli amici, diversamente diodo ad emissione luminosa). Credetemi: non c’è storia!

Perché comprare una torcia led?

Le torce led, soprattutto rispetto alle loro antenate, sono capaci di garantire una migliore funzionalità.

Innanzitutto durano parecchio di più, la flebile illuminazione di cui sopra è stata finalmente rimpiazzata da un vivace fascio di luce, le possibilità di regolarne la potenza sono davvero diventate una realtà e andare in giro per i boschi, eseguire dei lavoretti di precisione (avete presente quelle fascette o quei cappellini da cui si dipana un piccolo raggio di luce? Beh, ancora una volta si tratta di led!) o affrontare un momentaneo blackout non è più un grosso problema.

Insomma: chi ha in casa una o più torce led sa di poter fare affidamento su un oggetto versatile ed utilizzabile nelle più svariate situazioni.

Le varie tipologie di torce a led

Le torce led hanno sin da subito conquistato il mercato. Non stupisce quindi che le case produttrici si siano immediatamente ingegnate per proporre ai consumatori dei prodotti che potessero di volta in volta adattarsi a varie situazioni e quindi accrescere la mole di vendite registrate dalle aziende.

Delle torce a led utilizzate per i lavori di bricolage abbiamo già accennato: le lampade da testa LED consentono di avere le mani libere per eseguire svariati movimenti di precisione, quelli che per intenderci fanno perdere la pazienza quasi immediatamente se la fonte di illuminazione non è adeguata.

19,99€
39,99
disponibile
1 nuovo da 19,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 23 Febbraio 2019 16:36

Ma chi invece utilizza questo gingillo per andare a caccia, fare delle escursioni in notturna, andare a pescare o, perché no, esplorare il ventre della Terra, necessita di torce led militari o, in alternativa di torce led professionali. Si tratta chiaramente di prodotti che garantiscono una lunghissima durata (anche perché rimanere intrappolati nei boschi con la torcia scarica non è esattamente l’ideale.

Per questo motivo nonostante la lunga durata di cui sopra i più esperti ed i più scaltri si portano dietro comunque più di una torcia), dotate di funzioni supplementari il più delle volte assenti negli articoli da pochi euro che ormai tutti teniamo in casa, impermeabili e capaci magari di illuminare il percorso con un raggio di luce che arriva a coprire centinaia di metri: in poche parole si tratta quasi di fari portatili!

Funzionamento

A prescindere dal fatto che vi serva acquistare una torcia ad uso casalingo, professionale o militare, il principio di funzionamento è sempre lo stesso. La maggior parte dei modelli infatti si attiva esercitando una semplice rotazione della parte posteriore dell’oggetto.

Non è raro comunque che qualche azienda produttrice un po’ più nostalgica, riproponga anche il buon vecchio interruttore che azionava le nostre care torce a batterie ormai cadute in disuso.

Per non scontentare nessuno poi qualcuno ha anche pensato di unire le due varianti e lasciare all’utente l’imbarazzo della scelta secondo le sue inclinazioni del momento.

Detto ciò, ricordate comunque che quando andrete a chiedere al commesso dei chiarimenti circa il funzionamento della torcia (o a verificarne direttamente online le caratteristiche se siete dei patiti dell’e-commerce) non sarebbe male approfondire l’argomento appurando che l’oggetto in questione possieda anche la funzione dimmer, ossia la regolazione del fascio luminoso (in genere questa dovrebbe essere presente se nelle immediate vicinanze della testa della torcia compare un anellino girevole, ma, a scanso di equivoci, è sempre meglio chiedere ulteriore conferma).

Scegliere una torcia led: caratteristiche ideali

Perfetto, adesso che vi siete fatti un’idea più chiara, vediamo come fare a scegliere qualcosa che possa soddisfare le esigenze di tutti.

Chiaramente questi oggetti, per andare incontro ai bisogni degli utenti devono, a prescindere dalla tipologia che si sceglie di comprare, possedere determinate caratteristiche.

Se avrete la pazienza di continuare a leggere questo articolo, tenterò di “illuminarvi” in proposito.

Alimentazione

Una torcia led, dovendo essere trasportabile da un posto all’altro, deve chiaramente essere alimentata da batterie: è poco ma è sicuro. La distinzione semmai va compiuta tra prodotti che supportano semplici pile e prodotti che supportano anche le più ecologiche pile ricaricabili.

I modelli più evoluti offrono all’utente la possibilità di considerare entrambe le opzioni, altri oggetti di fascia più economica invece costringono l’acquirente ad una scelta da effettuarsi a monte.

Tenete comunque presente che le torce che supportano l’impiego di batterie ricaricabili sono in genere dotate anche di porte USB che vi consentono di collegarle ad altri dispositivi in modo da ripristinare l’efficienza delle pile. In molti casi poi fungono, al contrario, anche da power bank il che, soprattutto se ci si perde tra i boschi ed il cellulare è scarico, può rappresentare una vera e propria manna dal cielo.

Infine tra le torce a led ricaricabili è possibile reperire anche dei modelli corredati da una stazione di ricarica che vi darà la possibilità di mantenere il vostro gingillo sempre pronto all’uso.

In ogni caso considerate anche che i prodotti migliori attualmente in commercio necessitano di una sola batteria, meglio se al litio (le alcaline infatti riducono le prestazioni della torcia).

Il dispendio quindi, anche in questo caso, finisce per essere ridotto sborsando cifre inizialmente più alte (un prodotto migliore costa di più rispetto ad una torcia senza grosse pretese, così come una batteria al litio in confronto alle semplici alcaline usa e getta, ma in proporzione, considerando la longevità dell’una e dell’altra avrete sicuramente compiuto una scelta oculata).

Potenza

Come avviene anche per le semplici lampadine, la potenza di una qualsiasi torcia a led si calcola in lumen, unità di misura alternativa ai Watt. Il lumen infatti misura l’esatto quantitativo di luce che l’occhio umano, a prescindere dalle differenze individuali, riesce a percepire.

Una torcia a led standard dovrebbe possedere tra i 15 ed i 1000 lumen: con un oggetto del genere potrete tranquillamente far fronte ad un blackout, lavorare di precisione e quant’altro. Ovviamente in commercio esistono anche torce molto, ma davvero molto più potenti (10.000 lumen per esempio), ma acquistandone una (e non pensate che i prezzi di questi prodotti così luminosi siano esattamente abbordabili) si rischia di passare dalla ricerca di una semplice torcia all’acquisto del bat-segnalatore.

Se la vostra torcia dovrà accompagnarvi spesso in gite notturne optate per un prodotto che sia in grado di erogare un fascio di luce da almeno 100 lumen. Tenete presente comunque che i migliori articoli attualmente in commercio consentono sempre di regolare la potenza  della torcia. Ciò serve sia per evitare di sprecare batteria sia per adeguare la luminosità alle necessità del momento (se siete degli spiriti avventurosi quindi potreste anche orientarvi su una torcia multilivello che se opportunamente regolata consenta di raggiungere persino i 700 lumen). Inoltre prendete atto del fatto che una torcia mediamente potente non è pericolosa, ma fissare direttamente un raggio di luce da 10.000 lumen potrebbe accecarvi.

Piccolo consiglio: dato che la praticità non fa mai male, scegliete un prodotto che abbia il fondo piatto di modo che all’occorrenza potrete persino piazzare la torcia su un qualsiasi supporto ed avere le mani libere per lavorare o compiere particolari operazioni.

Materiali

I materiali con cui la torcia è stata costruita hanno una certa importanza. Chiaramente, soprattutto se questa dovesse servirvi per affrontare boschi, sentieri di montagna, battute di caccia ed altre situazioni del genere, il consiglio è quello di orientarvi su oggetti particolarmente robusti ed adeguatamente resistenti. Una buona soluzione in tal senso potrebbe essere rappresentata, almeno per quanto riguarda il corpo dell’oggetto, da alluminio, alluminio anodizzato o acciaio che, a meno che non vi imbattiate in un incontro ravvicinato con un elefante, dovrebbero rimanere perfettamente integre e funzionanti anche vivendo delle vere e proprie avventure all’aria aperta.

Una torcia casalinga invece, quella che può servirvi al massimo per spostarvi da una stanza all’altra dell’appartamento quando salta la luce, potrebbe tranquillamente essere realizzata in plastica: le pretese in questo caso sono infatti dimezzate.

In più evitate, soprattutto se la destinazione d’uso di queste torce non dovesse essere esattamente casalinga, di acquistare prodotti che non abbiano un rivestimento antiscivolo e che non possano, all’occorrenza, essere legati alla cintura o ai polsi mediante laccetti, cordicelle e quant’altro.

Per quello che riguarda invece la parte trasparente dalla quale viene emessa la luce, l’ideale sarebbe optare per un vetro, magari antiriflesso.

E’ importante comunque che tanto il materiale utilizzato per quest’ultima parte quanto quello adoperato per realizzare il corpo dell’oggetto siano impermeabili, resistenti alle intemperie e all’umidità, soprattutto se si decide di utilizzare le torce per qualcosa che non sia la piccola emergenza casalinga.

Fascio luminoso

La potenza non è l’unico parametro di efficienza che bisogna sempre tenere in considerazione quando si decide di acquistare una torcia led. Le caratteristiche del fascio luminoso rivestono infatti una certa importanza.

Considerate innanzitutto la distanza espressa in metri che esso potrebbe coprire: chiaro che se utilizzerete la torcia soltanto in casa non avrete bisogno di percorrere  lunghissime distanze, diversamente non lesinate. In campeggio, a pesca o a caccia invece potrebbe farvi comodo un prodotto più performante. In questi casi un buon articolo è in grado di garantirvi almeno 100 metri di luce e nitidezza.

Alcune torce poi, strano ma vero, dispongono anche di funzione zoom o consentono all’utente, come abbiamo già accennato in precedenza, di regolare il fascio di luce. Tenete in considerazione che solitamente in questi casi più sarà elevata la distanza tra voi ed il punto illuminato, più stretto sarà il fascio di luce e, ovviamente, viceversa.

Un buon prodotto presenta comunque almeno tre step di luminosità. Potrete ad esempio trovare il Moonlight (luce particolarmente fioca perfetta per risparmiare batteria, creare un’atmosfera romantica o non disturbare il compagno di tenda mentre durante la sua pennichella si decide di leggere un buon libro), il Turbo (per illuminare a giorno anche zone particolarmente buie), Strobo ed SOS (ossia la possibilità di affidarsi ad un raggio di luce ad intermittenza per segnalare un eventuale pericolo o richiedere aiuto. Queste funzioni, dette anche nascoste, sono in genere ottenibili toccando ripetutamente il tasto di accensione o l’anello posto alla testa della torcia).

Piccola chicca: sulle confezioni potrete spesso leggere il tipo di tecnologia utilizzato dalla casa produttrice per mettere in funzione l’oggetto che vi accingete ad acquistare. Scegliete sempre dei LED CREE XM-L T6 oppure U2: si tratta di prodotti più moderni, funzionali e capaci di garantire una maggiore ampiezza di illuminazione.

Dimensioni

E’ forse superfluo approfondire questo punto ma, mentre che ci siamo… E’ chiaro che le dimensioni di una torcia led, a prescindere dalla sua destinazione d’uso e dalla sua potenza, dovranno essere in media abbastanza compatte. Insomma: tornando all’esempio dell’escursionista in notturna, sembra poco probabile che all’equipaggiamento questi possa anche aggiungere una o più torce della dimensione di un tronco d’albero.

In media quindi questi oggetti avranno una lunghezza di circa una quindicina di centimetri, se non meno, e non saranno più spesse di tre centimetri. Ah, tenete sempre presente che in commercio esistono anche delle torce led tascabili le cui dimensioni, ovviamente, sono ancora più ridotte.

35,99€
49,99
disponibile
1 nuovo da 35,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 23 Febbraio 2019 16:36

Torce a led: quanto costano?

Partiamo dal presupposto che se in mente avete ancora i modelli di una volta, il costo di una torcia al led potrebbe un po’ spiazzarvi. Tuttavia, data l’innegabile miglioria subita da questi oggetti, il gap di prezzo è più che giustificato e giustificabile.

Una torcia discretamente potente potrebbe costarvi anche una cinquantina di euro ma, ribadisco, ne varrebbe la pena.

Con un centone invece si può ambire già all’acquisto di un prodotto professionale o semi-professionale ossia impermeabile e praticamente a prova di tsunami. Se poi non avete chissà quali pretese potreste benissimo accontentarvi di una torcetta da 20/30 euro.

In ogni caso, almeno per quanto riguarda le torce a led, il prezzo è in genere fedelmente commisurato alla qualità e alle prestazioni dell’oggetto che state acquistando.

L’unico modo per risparmiare qualcosa nell’immediato (ma non a lungo termine) è optare per un prodotto alimentato da batterie alcaline o NiMh. L’importante è comunque che il fattore economico non venga mai anteposto a quello pratico: lesinare quando si sa già che la torcia verrà utilizzata per delle escursioni speleologiche, per esempio, non è esattamente una buona idea.

Migliori torce led

In base alle recensioni rilasciate dai clienti su Amazon queste sono alcune delle torce migliori: